loader

L’Aperitivo Sbiancamento in Studio

0102030405

 

NEWS

Nei giorni scorsi si è tenuto presso il nostro studio, il primo “APERITIVO SBIANCAMENTO”, abbiamo cioè cercato di coniugare l’aspetto ludico con una presentazione scientifica, da parte di un’azienda leader del mercato, di un nuovo trattamento sbiancante dentale.
Durante la serata sono state sottolineate le cause e le sostanze che portano ad una graduale pigmentazione dello smalto dentale ed il meccanismo d’azione delle sostanze sbiancanti.
Alla fine del piacevole incontro sono stati omaggiati ai partecipanti alcuni trattamenti sbiancanti domiciliari.
Un bel sorriso con ottima salute gengivale, denti ben curati e bianchi trasmette positività, sicurezza e giovinezza.

Breve accenno storico:
Lo sbiancamento esiste da oltre 2000 anni e già nell’antichità si cercò di schiarire i denti, come ad esempio con l’urina umana e animale, con il succo di limone, con l’acido ossalico, con il cloruro di calcio e acido acetico, ma soltanto in tempi recenti sono stati messi a disposizione prodotti efficaci, privi di rischio e facilmente applicabili per ottenere i risultati che desideriamo avere da anni sui nostri denti.

Spesso i pazienti ci chiedono:
• Perché si macchiano i denti?
• Quali sono i rischi e gli effetti collaterali?
• Come funziona lo sbiancamento e come posso avere denti bianchi e lucidi?
• E’ vero che ci sono bevande e cibi che contribuiscono alla pigmentazione dei denti, come ad esempio caffè, sigarette, thè, vino rosso, coca cola, pomodoro etc?

A tutte queste domande sono state date esaurienti spiegazioni scientifiche durante la presentazione.
E allora come funziona lo sbiancamento?
I radicali d’ossigeno migrano attraverso i prismi dello smalto rompendo le molecole cromogene, che sono all’origine della discromia, permettendo a queste sottili molecole di diffondere in tutte le direzioni in modo da schiarire l’intero dente.

Quali sono i rischi con uno sbiancamento?
• Non ci sono controindicazioni allo sbiancamento;
• Nessun danneggiamento, né di smalto, né di dentina e tanto meno di polpa e gengive;
• E’ stato dimostrato, da recenti studi, che lo sbiancamento può addirittura rafforzare lo smalto grazie alla presenza di fluoro.

Ci è stato anche chiesto:
Quali sono gli effetti dello sbiancamento sui materiali da restauro?
I compositi e i materiali da rivestimento non subiscono variazioni cromatiche, solitamente si attendono almeno 3-4 settimane per il ripristino dei vecchi restauri.

NESSUN EFFETTO COLLATERALE.

Quanto dura l’effetto di uno sbiancamento?
Dipende dalle abitudini alimentari e dalle sedute d’igiene professionale,comunque , in media, un anno .
Dove e come lo faccio ?
Solo presso uno studio odontoiatrico qualificato:
Protocollo:
1- Accurata visita (necessaria prima di iniziare questo tipo di trattamento ed eventuali cure conservative);
2- Detersione professionale delle superfici dentarie e delle gengive (seduta di igiene);
3- Trattamento sbiancante individualizzato, completo, adeguato e delicato;
4- Consulenza e assistenza professionale per tutta la durata del trattamento.

seguito da sbiancamento Professionale Domiciliare con mascherina personalizzata o pre-caricata
Vi abbiamo incuriositi? Speriamo di si!
Per maggiori informazioni siamo a disposizione sui nostri social network, o nel nostro studio, saremo lieti di darvi tutte le informazioni che desiderate ed un appuntamento per una consulenza.

Grazie a tutti e alla prossima NEWS!

20150324_173924


Condividi:


Su questo sito utilizziamo cookie tecnici di terze parti ma nessun cookie di profilazione.  Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi